Oro da investimento: con o senza Iva? Cosa dice la legge

Indice dei contenuti

Hai deciso di investire in oro ma non sai effettivamente quanto ti farà pagare il fisco. Bene, attraverso questo articolo voglio spiegarti che cos’è l’oro da investimento e quali sono le normative europee (vigenti in Italia) sulla tassazione dell’oro.

Continua a leggere questo articolo ed oltre a scoprire il regime fiscale riservato all’oro ti spiegherò anche cosa dovresti conoscere prima di investire nell’oro.

Quando l’oro può essere investito

L’investimento in oro fisico deve essere effettuato tramite il cosiddetto “oro da investimento” che non è altro che l’oro che raggiunge il livello minimo di purezza richiesto dalle normative di un Paese, sia in millesimi, che in carati o in percentuale.

Oro da investimento nell’UE

Nell’Unione Europea, perché l’oro possa essere considerato come oro da investimento ha requisiti diversi, a seconda che si tratti di lingotti o monete.

I lingotti devono avere una purezza uguale o maggiore di 995 millesimi mentre le monete devono avere una purezza maggiore di 900 millesimi. Devono essere state coniate dopo il 1800, devono avere corso legale e devono essere commercializzate per 80% del valore di mercato dell’oro in essi contenuto.

L’oro da investimento è soggetto a un regime fiscale speciale in tutta l’Unione Europea che lo esenta dal pagamento dell’IVA su tutte le operazioni di vendita effettuate.

Nel caso in cui i lingotti o le monete non soddisfino le caratteristiche specificate nell’Allegato alla Legge, l’aliquota IVA applicabile su questo oro “non da investimento” sarà del 21%, che è anche quella che si applica alle transazioni con lingotti d’argento e monete. Un metallo che non gode della stessa esenzione fiscale dell’oro da investimento.

Oro da investimento e l’IRPF?

Tuttavia, per quanto riguarda l’imposta sul reddito personale (IRPF), qualsiasi vendita di oro deve essere inclusa nel conto economico. E sarà tassata in base alle plusvalenze o minusvalenze generate dall’operazione quali profitti o perdite.

Minusvalenze in base alla base imponibile del risparmio, ovvero è tassato come un fondo, un’azione o un ETF.

  • Fino a 6.000 euro verrà applicata un’aliquota del 19%.
  • Da 6.000 a 50.000 euro verrà applicato il 21%.
  • A partire da 50.000 euro verrà applicata una tassa del 23%.

Nel caso in cui qualcuno mantenga il proprio possesso di oro da investimento e non effettui alcuna operazione con esso, non sarà necessario dichiararlo in quanto non soggetto a tassazione.

Tuttavia, la trasmissione del prezzo dei metalli da parte di una persona fisica a un imprenditore o professionista del settore è soggetta all’imposta sulle trasmissioni patrimoniali. E anche agli atti giuridici documentati nella sua modalità di “trasferimenti patrimoniali onerosi” e non all’imposta sul valore aggiunto (IVA). È stabilito dalla Suprema Corte, con sentenza dell’11 dicembre 2019, che modifica la dottrina giurisprudenziale della Camera del contenzioso amministrativo, stabilita con sentenza del 18 gennaio 1996.

Nel nono allegato della legge 37/1992, del 28 dicembre, sull’imposta sul valore aggiunto, si stabilisce che “ai fini della presente legge si considerano i lingotti d’oro o le lamine d’oro di grado uguale o superiore a 995 millesimi e che sono conformi a uno qualsiasi dei seguenti pesi nella forma accettata dai mercati dell’oro”.

L’allegato include un elenco dei pesi ammessi per i lingotti d’oro da investimento, che vanno dai 12,5 chili (oro bancario, quello utilizzato dalle banche centrali per le loro riserve), a varie dimensioni in grammi o once troy (misura tradizionalmente utilizzata per i metalli preziosi, pari a 31,10 grammi), ad esempio.

Le monete d’oro come vengono considerate dal fisco?

Sono considerate oro da investimento anche le monete che soddisfano i seguenti requisiti:

  • Uguali o superiori a 900 millesimi.
  • Monete che sono state coniate dopo l’anno 1800.
  • Che hanno o hanno avuto corso legale nel loro paese di origine.
  • E che di solito sono scambiati per un prezzo non superiore all’80% del valore dell’oro in essi contenuto.

A tal fine la Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea pubblica, entro il 1° dicembre di ogni anno, l’elenco delle monete considerate oro da investimento per gli anni successivi. Tuttavia, l’argento è trattato in modo molto diverso e non gode dello status di esenzione IVA dell’oro nella maggior parte dell’Europa.

Cosa succede nei vari Paesi della zona UE?

Per offrire ai risparmiatori e agli investitori una panoramica delle aliquote IVA esistenti su monete d’argento e lingotti in Europa, forniamo di seguito le diverse percentuali che si applicano in alcuni di questi paesi dell’Unione Europea. Regno Unito incluso, anche se ufficialmente la Brexit l’ha allontanata fiscalmente dal Continente:

  • Germania 7%.
  • Austria 20%.
  • Belgio 21%.
  • Danimarca 25%.
  • Spagna 21%.
  • Francia 20%.
  • Italia 24%.
  • Irlanda 23%.
  • Lussemburgo 17%.
  • Paesi Basso 21%.
  • Regno Unito 20%.

Come puoi vedere, le aliquote IVA in alcuni paesi europei, come la Danimarca o l’Irlanda, sono piuttosto elevate. Al contrario, la Germania è il paese europeo che applica meno tasse alle sue monete d’argento e lingotti.

Un esempio

Se prendiamo come esempio l’Irlanda, c’è stata una discussione in corso tra i commercianti di argento e le entrate “isola verde” sull’IVA. Come sanno gli investitori d’argento, ogni moneta ha un valore nominale che in molti casi rappresenta quello di corso legale nel paese di origine. Di conseguenza, la domanda all’agenzia irlandese delle entrate era una volta: le monete d’argento ufficiali con corso legale e valore nominale sono soggette a IVA?

La risposta della Irish Revenue o Revenue Commission è stata: Le valute a corso legale in uso non sono soggette a IVA.

Con corso legale “in uso” si intendono le monete in euro che utilizziamo nella vita quotidiana. Pertanto, “tutte le monete d’argento puro scambiate per investimenti non hanno corso legale”, secondo le autorità irlandesi. E questo perché sono “fior di conio” e non vengono utilizzati per gli acquisti quotidiani.

Questo vale in Irlanda per tutte le monete d’argento più popolari vendute in Europa, come la Filarmonica di Vienna, la Foglia d’acero canadese, l’Aquila americana o il Canguro australiano.

Nel resto dei paesi dell’Unione Europea, le monete da investimento coniate in argento e conosciute dagli investitori come lingotti sono soggette all’IVA corrispondente, secondo ciascuna legislazione fiscale.

Prezzo dell’oro

Se sei un nuovo arrivato nell’investire in oro fisico, potresti avere dei dubbi sul prezzo dell’oro.

Questo è normale poiché l’oro non ha un prezzo unico. Piuttosto, possiamo dire che ci sono più prezzi dell’oro:

Prezzo spot internazionale.

Il prezzo spot internazionale è un prezzo che varia praticamente 24 volte al giorno in base all’evoluzione della domanda e dell’offerta di oro nei mercati mondiali.

Prezzo LBMA.

Invece il prezzo LBMA (vecchio prezzo di fixing) è un prezzo fissato due volte al giorno in un’asta a Londra organizzata dalla LBMA (London Bullion Market Association), il più grande ente internazionale per il commercio dell’oro. La partecipazione a questa asta è chiusa alle grandi banche accreditate dalla LBMA.

Prezzo locale in mercati importanti come l’India o la Cina.

Il prezzo locale dell’oro in mercati come l’India o la Cina è particolarmente importante in queste aree geografiche poiché il prezzo dell’oro può variare notevolmente rispetto al prezzo internazionale. È la differenza del prezzo locale dell’oro in Cina e India rispetto al prezzo spot internazionale nell’ultimo anno.

Prezzo di vendita dell’oro fisico.

Il prezzo di vendita dell’oro fisico è il prezzo dell’oro una volta che è stato convertito in monete o lingotti e venduto ai rivenditori. Per investire in oro fisico, siamo interessati al prezzo spot internazionale e al prezzo di vendita dell’oro fisico.

Il prezzo spot

Il prezzo spot rappresenta il prezzo in dollari di 1 oncia d’oro con consegna immediata.

Il suo calcolo è continuo poiché l’oro è quotato 23 ore su 24 al giorno in diversi mercati mondiali. Il prezzo spot aggiornato può essere consultato in qualsiasi momento della giornata attraverso pagine specializzate come GoldPrice.org o il sito web del World Gold Council.

L’oro da investimento e il prezzo di vendita

Il prezzo di vendita è il prezzo che un investitore paga quando acquista un pezzo d’oro. Questo prezzo di vendita è sempre superiore al prezzo spot dell’oro. Il motivo è semplice. Il prezzo spot rappresenta il prezzo di 1 oncia di oro “grezzo”. Invece, il prezzo di vendita include il prezzo spot e tutti i costi derivati dall’estrazione, produzione, distribuzione, consegna e vendita dell’oro.

La differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo spot è comunemente nota come premium o premio. Il premio è calcolato come percentuale del prezzo spot. In questo modo avremo un’idea migliore del supplemento che stiamo pagando.

Ad esempio, se il prezzo spot dell’oro è di 1.500 euro e il prezzo di vendita di una moneta d’oro è di1.575 euro, il premio sarà 75 euro o il 5% del prezzo spot.

Premium = Prezzo di vendita – Prezzo spot

Il valore del premio può variare dall’1,5% nel caso dei lingotti grandi (1kg) al 5-8% nel caso delle monete.

Alcuni dei fattori che maggiormente influenzano il valore del premio sono:

  • La forma: è un lingotto o una moneta?
  • Il peso: è un pezzo da 1 kg o 10 grammi
  • Il volume di acquisto: stai acquistando un pezzo o una dozzina?
  • Domanda e offerta: quanto è popolare la parte che si desidera acquistare (domanda) e qual è la sua disponibilità sul mercato (offerta)?