Perché l’oro bianco diventa giallo? Come evitare e risolvere il problema

Indice dei contenuti

Il tuo anello di fidanzamento o fede nuziale in oro bianco, una volta brillante, è passato al lato opaco? Sembra un po’ GIALLO? Perché l’oro bianco diventa giallo? Niente panico! C’è una ragione perfettamente valida; si rimedia facilmente e questo blog spiegherà tutto!

Fin dall’inizio, dobbiamo chiarire qualcosa: l’oro non è naturalmente bianco! Dopo la raffinazione, l’oro a 24 carati (è la forma più pura) è di un colore giallo-arancio. L’oro di carati minori è legato (misto) con altri metalli per renderlo meno costoso e più durevole.

Giusto un po’ di storia…

L’oro bianco è prodotto dall’uomo ed è diventato popolare durante la seconda guerra mondiale come sostituto del platino (che veniva accumulato dal governo per uso militare).

Prima della seconda guerra mondiale, il platino era la scelta preferita per i gioielli di metallo bianco. Quando improvvisamente non era disponibile, i gioiellieri furono costretti a trovare un sostituto. Hanno scoperto che mescolando metalli bianchi come nichel, palladio o zinco con l’oro giallo naturale, potevano schiarire il colore abbastanza da dare l’aspetto di un metallo bianco.

Una volta perfezionati questi processi, l’oro “bianco” è diventato ampiamente accettato e persino più popolare del suo predecessore grazie alla sua convenienza. Non è che il platino sia molto più costoso dell’oro; in realtà hanno un prezzo per oncia abbastanza simile. È il fatto che ci vuole più del doppio del platino rispetto all’oro per fare qualsiasi cosa perché è così denso!

Quindi parliamo di più della composizione dell’oro bianco. Se stai iniziando con l’oro giallo e mescolando altre cose, è naturale che parte di quella dominante gialla rimanga in giro. Pensa al tuo caffè mattutino. Inizia marrone scuro o nero e quando aggiungi la panna diventa un marrone più chiaro, non bianco come la panna. O forse pensa alla pittura. Puoi avere vernice gialla e aggiungere bianco, ma non avrai mai una vernice bianca rigida. Lo stesso vale per l’oro. Inizi con il giallo, aggiungi del metallo bianco e ottieni una tonalità più chiara di giallo.

Dominante gialla: dov’è?

Allora perché non vedi una dominante gialla su tutti quei bellissimi anelli in oro bianco nel nostro portagioie? A causa del nostro raro e bellissimo amico, il Rodio.

Il rodio è uno dei sei metalli del gruppo del platino, una famiglia di metalli preziosi nobili che comprende anche platino, rutenio, palladio, osmio e iridio. Fu scoperto originariamente all’inizio del XIX secolo da un chimico e fisico inglese di nome William Hyde Wollaston sulla scia della sua scoperta del palladio.

Essendo uno dei metalli nobili, il rodio è  noto per la sua resistenza superiore all’ossidazione e alla corrosione, anche se esposto a umidità estrema.

A causa del colore brillante del rodio e di molte proprietà e caratteristiche preziose, è perfetto per aggiungere una finitura lucida e durevole ad altri metalli, compreso l’oro “bianco”. Il rodio viene applicato con un processo chiamato galvanica. Ciò comporta l’immersione del pezzo in una soluzione elettrolitica (bagno di placcatura) contenente sali disciolti e ioni di rodio metallico e altri prodotti chimici. Una corrente elettrica CC viene quindi introdotta nel bagno per applicare il rivestimento di rodio al substrato tramite elettrodeposizione.

È diventato un procedimento molto tecnico, molto veloce. Mi dispiace per questo. Per farla breve: c’è uno strato molto sottile di metallo bianco brillante (e costoso) che copre il tuo oro giallo. E questo ci riporta alla risposta alla domanda: “Perché il mio anello in oro bianco sta diventando giallo?”

Perché l’oro bianco diventa giallo?

Come ogni metallo, anche di altissima qualità, l’oro bianco può cambiare colore nel tempo. Ecco tre motivi per cui questo fenomeno può accadere:

  1. Acidi naturali e sostanze chimiche nella tua pelle: questa causa è semplicemente inevitabile! Gli oli nella tua pelle faranno sì che le parti dei gioielli che toccano la tua pelle diventino gialle più rapidamente, come l’interno degli anelli.
  2. Acqua salata, cloro, saponi, detergenti e lozioni: tutti questi inizieranno a consumare la placcatura in rodio.
  3. Sfregamento: più il tuo oro bianco viene strofinato, più velocemente diventerà giallo, motivo per cui gli anelli diventano gialli rapidamente.

L’oro bianco e la placatura in rodio

Sì, il rodio è un metallo durevole, TUTTAVIA, la placcatura in rodio deposita uno strato molto sottile e questo strato può essere consumato per rivelare il metallo sottostante. Ecco perché il tuo anello nel tempo potrebbe diventare giallo.

La buona notizia è che molte gioiellerie eseguono la rodiatura e questa lavorazione costa poche decine di euro. Inoltre, a seconda dell’usura dell’anello, in genere è possibile effettuare questa operazione entro 2-7 giorni. E poiché “l’ingiallimento” è solo l’usura della placcatura in rodio, il modo più semplice per risolverlo è sostituire il rodio.

Quando infatti porterai il tuo oro bianco al negozio in cui l’hai acquistato, metteranno un sottile strato di rodio sull’oro, riportandolo al colore bianco brillante che avevi originariamente. Se vuoi prendere ulteriori precauzioni, puoi evitare che il tuo oro bianco si bagni, si insaponi o si sporchi. Se lo togli prima di nuotare e fare la doccia, il rodio svanirà più lentamente.

Quanto dovrebbe durare la mia placcatura in rodio?

Non esiste un’unica risposta a questo. Dipende da quanto spesso indossi l’anello, da quanto sei duro con esso, da cosa lo lasci entrare in contatto e sì a volte anche dai livelli di pH dell’acido del tuo corpo (siamo seri). Alcune persone ritengono di dover ricoprire ogni 6 mesi. Alcune persone ogni 6 anni.

La placcatura in rodio influirà sul mio diamante o su altre pietre preziose?

No. Il processo di galvanizzazione richiede che una corrente passi attraverso il metallo affinché la placcatura abbia effetto (il rodio si lega quindi agli elementi nel pezzo che conducono la corrente). I diamanti e le pietre preziose non conducono elettricità e quindi sono al sicuro dalla placcatura. Ci sono molti orafi ch sono veri esperti nella rodiatura.

Il mio anello in oro giallo o rosa può essere rodiato?

Sì! Qualsiasi metallo che conduce una corrente può essere galvanizzato con rodio. Quindi, se hai finito quell’anello in oro rosa che amavi 5 anni fa o sei pronto per un cambiamento, la placcatura in rodio è un’opzione!

Tuttavia, potresti scoprire che è necessaria una ricopertura più frequente per mantenere la finitura brillante sul metallo che è una tonalità più scura di giallo o rosa.

Esistono alternative all’oro bianco?

Il platino è una meravigliosa (e la nostra preferita) alternativa all’oro bianco. È più pesante dell’oro, più resistente dell’oro, non si sbiadirà, non richiede la placcatura (perché è naturalmente di colore bianco), fornisce montaggi più forti e sicuri per diamanti e pietre preziose e non perderà metallo nel tempo come l’oro fa (uff… è molto)!

Se graffi, raschi o ammacchi il platino, il metallo viene semplicemente spostato e può essere facilmente lucidato e riportato alla sua lucentezza originale. La maggior parte dei modelli di anelli di fidanzamento sono disponibili in colori alternati d’oro e platino.

Se un anello interamente in platino non è nelle carte per te, considera almeno la possibilità di scegliere una testa di platino per il tuo anello di fidanzamento. I rebbi in platino forniranno un’incastonatura molto più sicura per il tuo diamante o altra gemma preziosa!

Detto questo, vale la pena l’oro bianco?

Se ami l’aspetto del metallo bianco ma il platino non fa per te, l’oro bianco è una bella scelta. Tieni presente che probabilmente richiederà più manutenzione rispetto al platino nel tempo.

Mantenere l’oro bianco bianco

Il modo migliore per preservare il colore dei tuoi gioielli in oro bianco, oltre a non indossarli, è di averli sostituiti. La sostituzione è una procedura attraverso la quale il gioielliere aggiunge un nuovo strato di rodio ai tuoi gioielli.

Il prezzo che pagherai per questo servizio dipenderà da quanto è consumato il rivestimento in rodio originale e dallo spessore del nuovo strato. Oltre all’aspetto, c’è un’altra ragione per sostituire i tuoi gioielli in oro bianco non appena la placcatura si consuma: la composizione della lega sotto il rivestimento. Se l’oro nello strato inferiore è stato mescolato con il nichel per diventare bianco e se si è allergici al nichel, qualsiasi contatto della pelle con la lega può causare una reazione allergica.

Non lucidare troppo spesso il tuo oro bianco

Se i tuoi gioielli in oro bianco hanno molti graffi, potresti liberartene facendoli lucidare da un gioielliere. Tuttavia, tieni presente che questo processo comporta in realtà la rimozione di un piccolo strato di materiale dalla superficie dei tuoi gioielli.

Se fai lucidare il tuo oro bianco troppo spesso, verrà rimossa anche tutta o parte della sua placcatura in rodio e non passerà molto tempo prima che dovrai pagare di nuovo per sostituire i tuoi gioielli. Come regola generale, dovresti far lucidare i tuoi gioielli in oro bianco da un professionista non più di una o due volte all’anno.