Oro bianco e platino: qual è la differenza?

Indice dei contenuti

L’oro bianco e il platino possono avere un aspetto simile in quanto forniscono un anello con una lucentezza bianca che aiuta a migliorare la brillantezza di un diamante. Tuttavia, la differenza principale sta nel loro stato naturale.

Il platino ha naturalmente un colore bianco mentre l’oro è naturalmente giallo. Per creare un anello in oro bianco, una combinazione di oro, leghe e una placcatura rodio conferisce la famosa lucentezza bianca. In questo articolo andremo a vedere quali sono le caratteristiche e le principali differenze tra questi due preziosi metalli.

Cos’è l’oro bianco?

L’oro bianco è una lega d’oro. Cioè l’oro bianco è costituito da oro puro, mescolato a metalli in lega che hanno un colore bianco-argenteo, come il palladio e l’argento.

Perché l’oro è miscelato con metalli in lega?

In tutti i gioielli in oro, l’oro puro deve essere miscelato con metalli più duri per una maggiore durata e resistenza.

Di per sé, l’oro puro è un metallo molto morbido. Senza le leghe più dure che lo mantengono rigido, l’oro puro si deformerebbe facilmente. Questo è il caso se i gioielli sono realizzati in oro giallo, oro rosa o oro bianco, perché in ognuna di queste varianti, l’oro da solo sarebbe troppo morbido. In oro bianco, inoltre, le leghe color argento contribuiscono a creare il colore bianco desiderato.

Cosa è il platino?

Il platino, un metallo molto apprezzato e desiderato, ha una vasta gamma di usi, inclusi gioielli, convertitori catalitici, contatti elettrici, pacemaker, farmaci e magneti.

Dal momento che è raro – ci sono solo circa 5 parti per miliardo in peso nella crosta terrestre- il platino tende ad essere molto costoso, come potrebbe scoprire chiunque cerchi di acquistare una fede nuziale in platino.

Il platino è uno dei metalli di transizione, un gruppo che comprende oro, argento, rame e titanio e la maggior parte degli elementi al centro della tavola periodica. La struttura atomica di questi metalli significa che possono legarsi facilmente con altri elementi.

È anche uno degli elementi più densi a 12,4 once per pollice cubo (21,45 grammi per centimetro cubo), poco più di 21 volte la densità dell’acqua o 6 volte la densità di un diamante. Queste proprietà portano a molti usi per questo metallo molto raro e prezioso.

Principale differenza tra oro bianco e platino

ORO BIANCO

Tra i due, l’oro bianco è in genere l’opzione più economica, ma ciò è dovuto principalmente al fatto che è necessario più metallo prezioso per creare un anello. Ciò significa che mentre gli anelli in oro 18 carati hanno una purezza del 75%, il platino ha un totale del 95%.

PLATINO

Sebbene il platino sia tipicamente più forte e più durevole, è comunque un metallo più morbido dell’oro. Anche se questo significa che può essere graffiato più facilmente, non è necessariamente una cosa negativa.

I graffi lungo un anello in platino si sviluppano in una finitura patinata, che conferisce ai gioielli un aspetto antico, molti clienti adorano il suo aspetto. Tuttavia, per i perfezionisti che vogliono assicurarsi che il loro anello sia privo di graffi, la rilucidatura dell’anello ripristinerà la sua bellezza originale.

Oro bianco e platino: quale è il migliore?

Quando acquisti un anello di fidanzamento, una fede nuziale o altri gioielli su misura, la maggior parte delle persone sa fin dall’inizio quale sia la loro preferenza per il colore del metallo. Se hai deciso che ti piace guardare un metallo bianco, allora c’è un’altra scelta da fare ed è quella di decidere tra platino e oro bianco.

Sebbene simili nell’aspetto, questi due metalli sono in realtà materiali abbastanza diversi con proprietà molto diverse. Questo a volte significa che un particolare design è meglio realizzato in un metallo rispetto all’altro.

Una domanda che i nostri ascoltano di frequente è “Quale metallo è migliore? L’oro bianco o il platino?” Si scopre che la risposta a questa domanda non è così semplice. Entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi e le tue scelte di design possono giocare un ruolo importante nel determinare quale metallo è il migliore per il tuo pezzo.

Durevolezza

Il platino e l’oro bianco sono entrambi metalli durevoli che rispondono a urti, pressioni e graffi in modi diversi.

DUREVOLEZZA DEL PLATINO

Il platino è un metallo molto denso, il che significa che ha un’eccellente resistenza all’usura. Una fede nuziale realizzata in platino potrebbe essere indossata per decenni e perdere quasi del tutto di spessore.

Lo svantaggio del platino è che tende a perdere la sua lucentezza elevata e bordi affilati abbastanza rapidamente. Questo non è perché vengono portati via ma, più precisamente, vengono modellati come argilla attorno alla superficie dell’anello. Ciò può provocare piccoli “lividi” e ammaccature sulla superficie metallica che nel tempo crea la sua finitura unica chiamata patina.

DUREVOLEZZA DELL’ORO BIANCO

Sebbene non sia denso come il platino, l’oro bianco è intrinsecamente forte e i dettagli fini hanno più rigidità. Ad esempio, se un design presenta un’incisione a mano, una grana di fresatura o bordi squadrati, questi dettagli saranno conservati dall’oro bianco meglio del platino.

Lo svantaggio dell’oro bianco è che è più suscettibile all’usura. Se hai mai visto un vecchio anello in oro bianco, è probabile che avresti notato che è diventato molto sottile a causa del deterioramento del metallo nel tempo.

Il tuo gioielliere valuterà il tuo design e ti farà domande sul tuo stile di vita, sull’occupazione e sulla frequenza con cui è più probabile che indossi il tuo pezzo per determinare quale resistenza del metallo è più adatta a te.

Colore

Un altro fattore di separazione è il colore. Mentre il platino è un metallo naturalmente bianco, l’oro bianco è realizzato combinando l’oro puro (che è di colore giallo) con metalli leganti come il palladio.

A causa del contenuto di metallo giallo, l’oro bianco è in realtà leggermente grigio o bianco sporco. Questo può essere corretto con un trattamento superficiale chiamato rodiatura.

La placcatura in rodio è l’applicazione di uno strato molto sottile di un metallo chiamato rodio che viene placcato elettricamente sulla superficie dell’oro bianco per trasformarlo in un colore bianco più brillante. Questa placcatura si consuma nel tempo e deve essere riapplicata per tutta la vita del gioiello. La placcatura può durare circa 3 anni se ti prendi cura dei tuoi gioielli.

Accoppiamento

Quando si sceglie il metallo, è importante tenere presente anche eventuali acquisti futuri di gioielli. Qualsiasi gioiello che potrebbe sfregare l’uno contro l’altro, come ad esempio un anello di fidanzamento e una fede nuziale, dovrà essere fatto dello stesso metallo, al fine di garantire che uno non si logori l’altro nel tempo.

Peso

Un’altra piccola differenza è il peso. Il platino è più pesante (gravità specifica: 21,4) dell’oro (gravità specifica: 19,3). Quando leghi l’oro bianco la differenza è ancora maggiore.

La differenza su un anello piccolo è piccola ma su un pezzo grande è molto evidente. Entrambi i metalli hanno un prezzo al grammo, quindi questo si aggiunge al prezzo più alto del platino.

Costo

L’ultima considerazione importante è il costo. I gioielli in platino sono in genere più costosi dei gioielli in oro bianco. Tuttavia la necessità di sostituire l’oro bianco significa che ci sono costi di manutenzione aggiuntivi nel tempo rispetto al platino, che richiede solo una lucidatura ogni pochi anni.

Quali sono gli svantaggi dei gioielli in platino?

Alto punto di fusione

Il platino ha un punto di fusione sostanzialmente più alto dell’oro (un enorme 700 °C in più, nel caso fossi curioso), il che può rendere le riparazioni un po’ ppiù complicate.

Questo livello di calore può potenzialmente danneggiare i diamanti e altre pietre preziose. Quindi in genere dovranno essere rimossi se un gioielliere dovesse mai ritoccare un artiglio o eseguire altre riparazioni vicino alle pietre. Ciò può aggiungere un costo aggiuntivo al servizio di riparazione (sebbene questa spesa sia quasi sempre di gran lunga superata dalla pura durabilità del platino).

Si graffia facilmente

Sebbene il platino sia un metallo incredibilmente denso e resistente, è ancora abbastanza suscettibile ai graffi, più dell’oro. La buona notizia è che questi graffi sono molto diversi da quelli subiti dall’oro.

Perché si graffia con facilità?

Bene, quando graffi l’oro, il metallo viene rimosso del tutto dai gioielli, in genere provocando un inestetismo sgradevole che la maggior parte delle persone si affretta a rimuovere.

Tuttavia, quando graffi il platino, il metallo viene semplicemente spostato da un posto all’altro. Nel tempo, e con una quantità sufficiente di questi “graffi”, il metallo sviluppa quella che è nota come una finitura patinata. Cioè sviluppa una stratificazione naturale di usura visibile che può conferire ai gioielli in platino un aspetto bellissimo e consumato dal tempo.

Non è brillante come l’oro bianco

Nonostante il fatto che il platino sia naturalmente un bianco vibrante, va detto che non è così brillante come l’oro bianco rodiato. Mentre molti apprezzano la sottigliezza comparativa del platino, chi è alla ricerca di una lucentezza più appariscente potrebbe essere più adatto ai gioielli in oro bianco.

Quando si sceglie tra platino e oro bianco, considerare quanto segue:

Fattori che indicano una montatura in platino:

  • Ci sono molte gemme molto piccole che sono incastonate con punte o pavé?
  • Ci sono molti dettagli, come trafori o incisioni?
  • È un anello che avrà un uso intenso?
  • È un anello personalizzato?
  • Posso permettermi o finanziare il costo aggiuntivo?

Fattori che indicano una montatura in oro bianco:

  • C’è un numero minore di gemme e una superficie lucida?
  • Le gemme sono incastonate in modo sicuro, in particolare il canale o la lunetta?
  • È un braccialetto, un ciondolo o orecchini o un anello occasionale?
  • Sono disposto a far placcare l’anello ogni tanto?
  • L’oro bianco rientra di più nella mia fascia di prezzo?