Oro senza punzonatura: cos’è e come si riconosce?

Indice dei contenuti

Se vuoi scoprire cos’è l’oro senza punzonatura, sei nel posto giusto. In questa guida ti aiuteremo a capire come riconoscere ogni dettaglio su questo metallo prezioso per poter acquistarlo senza rischi.

Introduzione

Riuscire a capire cos’è l’oro senza punzonatura, per riconoscerlo da quello che invece la ha, è una pratica molto importante da imparare. Infatti, se sei un compratore di oro e non vuoi incorrere in truffe, sarà un grande vantaggio poter riconoscere da sé se quello che stiamo acquistando sia ciò che davvero vogliamo.

Nel mondo dell’acquisto e dellinvestimento dell’oro è frequente ritrovarsi di fronte a venditori che vogliono truffare in modo semplice chi è meno avvezzo di loro alla materia. L’oro senza punzonatura di solito viene considerato oro falso. Proprio perché l’oro è un materiale che non perde mai di valore e che non cambia mai nel tempo, spesso viene imitato e quindi occorre verificare che non si tratti di un pezzo falso.

Per questo motivo in questa guida vi aiuteremo a capire cos’è l’oro senza punzonatura e cosa fare per riconoscerlo subito.

Oro senza punzonatura: cos’è

L’oro senza punzonatura in genere viene considerato falso o a rischio falsità. La punzonatura è un segno minuscolo che si trova sulla superficie dell’oggetto ricoperto d’oro. Si tratta di una vera e propria certificazione della qualità dell’oro. La punzonatura riporta la quantità d’oro che si trova sul pezzo. La quantità viene generalmente espressa in carati, di solito 18 o 24 carati, oppure in millesimi, da 1 millesimo a 999 millesimi si tratta di oro molto puro.

La punzonatura consiste proprio nell’impressione su una superficie di un segno o una forma mediante la pressione o la percussione di uno strumento che viene denominato proprio “punzone”.

Ma dove va ricercata la punzonatura? In realtà dipende dal tipo di oggetto che abbiamo davanti. Un anello solitario o un paio di orecchini di solito hanno la punzonatura nella fascia interna. Se si hanno problemi a riconoscere le scritte molto piccole, allora potremo usare una lente di ingrandimento. Basta puntarla nella zona interna del gioiello per rintracciare la scritta.

È opportuno sapere anche che con l‘oro molto vecchio, o con un gioiello antico, la punzonatura potrebbe essere leggermente usurata. Spesso potrebbe non vedersi o non leggersi in modo completo. Questo accade perché a lungo andare, a forza di attriti e spostamenti, la scritta potrebbe essere livellata e venire via. In questo caso, l’oro senza punzonatura non è un campanello d’allarme per la falsità, dovremo sempre rivolgerci ad un esperto.

Ma non vedere il simbolo potrebbe essere un segnale. Ci sono dei metodi per riconoscere l’oro senza punzonatura, scopriamo quali.

Come riconoscere la falsità nell’oro senza punzonatura

Ci sono dei metodi per scoprire se l’oro senza punzonatura che abbiamo davanti sia falso oppure se semplicemente il simbolo si è cancellato dalla superficie.

La punzonatura verrà verificata da ogni gioielleria che farà un test per rilevare la quantità d’oro. In linea generale per capire di primo impatto se l’oro senza punzonatura è vero o falso basta dargli un’occhiata per cercare la presenza del timbro.

La punzonatura dovrebbe indicare la purezza dell’oro in millesimi, 1-999 o 0,1-0,999) o in carati (10k, 14k, 18k, 22k o 24k). I pezzi d’oro di solito non hanno meno di 9 carati.

Ma può capitare anche di trovare degli oggetti contraffatti che dispongano di una punzonatura ma in realtà non è autentica. Se il lingotto o il gioiello ha una differenza di colore ben evidente sarà possibile che si tratti di un falso. Bisognerà sempre controllare il pezzo in un punto pieno di luce per controllare bene ogni superficie dell’oro, anche quella più esposta all’attrito, di solito vicino ai bordi.

Tecniche casalinghe e non per capire se l’oro senza punzonatura è falso

Se si vuole acquistare un pezzo d’oro o se si vuole vendere e quindi stimarlo, sarà importante imparare a capire queste tecniche. Portare l’oggetto da un esperto potrebbe apparire dispendioso e spesso è bene provvedere da sé al riconoscimento.

Una delle tecniche più semplici per capire se l’oro è falso è usare una calamita. Ovviamente dovrà trattarsi di una calamita forte. L’oro è un materiale inattivo di fronte ai campi magnetici quindi non dovrebbe attirare le calamite se vero. Anche se l’oggetto sia composto da altre leghe metalliche oltre all’oro, come i gioielli, la piccola percentuale di oro dovrebbe comunque evitare che la calamita si attacchi. Se il pezzo d’oro che hai riesce ad attrarre la calamita, allora non c’è dubbio sulla sua purezza: si tratta di oro falso.

L’uso di acido cloridrico o nitrico può farci capire se l’oro senza punzonatura è falso oppure no. È una prova che dovranno fare solo i veri esperti perché si tratta di acidi che possono corrodere i materiali e la pelle e respirarlo potrebbe anche essere rischioso. Questi acidi però non corrodono l’odo, quindi se il gioiello a contatto con tale sostanza si rovina, allora significa che non si trattava di materiale puro. Se infatti il lingotto si ricopre di una patina bianca potrebbe trattarsi di argento ricoperto d’oro. Invece, se si macchia contiene una scarsa quantità d’oro.