Oro o argento? Confronto, caratteristiche, descrizione

Indice dei contenuti

Vorresti comprare dei metalli preziosi, ma compri oro o argento? C’è davvero molta differenza tra loro oltre al prezzo?

I metalli preziosi sono stati a lungo considerati depositi di ricchezza per migliaia di anni. Prima dell’avvento del sistema valutario fiat, le valute mondiali erano direttamente o indirettamente ancorate all’oro. Alcuni sostenitori di quest’ultimo sistema credono ancora che detenere metalli preziosi sia meglio che detenere valuta. Tuttavia, queste persone sono un piccolo numero.

Oro o argento?

La stragrande maggioranza delle persone in tutto il mondo pensa che l’oro e l’ argento siano una copertura contro l’inflazione. Un modo per assicurarsi che la loro ricchezza sia immagazzinata in qualcosa che è tangibile e ha un uso in contrasto con la carta sostenuta dalla “piena fede e credito del governo”.

Di gran lunga, i due metalli preziosi più utilizzati per questo scopo sono l’oro e l’argento. Entrambi sono metalli “preziosi”, il che significa che la loro presenza nella crosta terrestre è rara. Ma quando si tratta di investire in oro e argento, ci sono importanti distinzioni di cui essere consapevoli. Queste differenze possono potenziare il tuo portafoglio o renderlo una vittima.

Questo articolo delinea le principali differenze da conoscere sull’oro rispetto all’argento, con un’enfasi particolare sulle implicazioni degli investimenti.

Perché investire in oro o argento?

I metalli preziosi sono considerati da molti l’investimento perfetto durante i periodi di crisi economica. Fino alla fine del millennio, pochissimi investitori individuali conoscevano l’utilità dei metalli preziosi in un portafoglio. In effetti, l’oro era realmente utilizzato solo da organizzazioni e banche.

Tuttavia, la costante raffica di crisi economiche che vanno dalla bolla delle dot-com alla crisi del COVID-19, insieme a discutibili programmi governativi come il Quantitative Easing, hanno portato metalli preziosi al mainstream.

L’oro e l’argento sono rimasti fedeli allo scopo previsto. Durante la maggior parte dei crolli, l’oro e l’argento hanno sovraperformato il mercato azionario. In nessun momento questo è più evidente che durante la bolla immobiliare del 2008. Da ottobre 2007 a marzo 2009, l’S & P 500 è sceso di oltre il 55%. Tuttavia, il prezzo dell’oro è aumentato di oltre il 25% durante lo stesso periodo. Anche l’argento, sebbene non alto come l’oro, è aumentato dell’1%.

Nel corso della storia, possiamo costantemente vedere l’argento sottoperformare rispetto all’oro durante i periodi di crisi. Vedremo perché questo è il caso un po’ più tardi. Confronteremo anche le loro prestazioni a lungo termine per vedere se l’argento può essere preferibile all’oro in determinate situazioni.

I dati di GoldSilver, ad esempio, sul recente calo dell’indice S&P 500. Sia l’oro che l’argento tendono a fare meglio dell’indice S&P 500, ma l’oro tende a sovraperformare l’argento di un buon margine.

Oro o argento durante i periodi normali

Sebbene sia l’oro che l’argento siano un buon investimento durante i periodi di crisi, la loro utilità come investimento a lungo termine è discutibile. L’oro ha sottoperformato sia l’indice S&P 500 che il Dow Jones negli ultimi 10,30 e 100 anni.

Tuttavia, l’oro ha ottenuto risultati migliori di entrambi gli indici se guardiamo solo agli ultimi 50 anni. A lungo termine, le azioni tendono a sovraperformare l’oro. L’argento, d’altra parte, ha sottoperformato entrambi gli altri investimenti con un margine considerevole. In quanto tale, l’argento non sembra affatto essere un investimento a lungo termine utile.

L’argento ha prestazioni peggiori negli incidenti

Abbiamo accennato in precedenza come l’argento sembra funzionare molto di più in tandem con l’economia rispetto all’oro che aumenta di prezzo durante un crollo. La semplice ragione di ciò è che l’argento è ampiamente utilizzato nell’industria. Oltre la metà dell’argento estratto ogni anno viene utilizzato nell’industria.

Quando l’economia crolla, le fabbriche spesso riducono la produzione o chiudono completamente. In quanto tale, la domanda di argento diminuisce notevolmente. Ciò porta all’argento che spesso scende di prezzo durante un crollo, nonostante molti investitori si affollino come un bene sicuro.

Le sue proprietà come conduttore di calore e elettricità, insieme alla sua natura riflettente, lo rendono ideale per molte industrie. Fino a quando non si troverà un’alternativa migliore, l’argento sarà sempre più volatile dell’oro.

L’oro ha un’offerta molto più grande

In termini assoluti di massa, l’argento ha un’offerta molto maggiore dell’oro. Tuttavia, a causa della rarità dell’oro, il suo prezzo è molto più alto. Pertanto, l’offerta annuale in USD è circa 12 volte maggiore per l’oro rispetto all’argento.

Detto questo, l’oro fisico ha molti usi diversi oltre all’investimento. Per questo motivo, ci vuole molto meno per innescare una tendenza al rialzo o al ribasso nei mercati dell’argento. A causa di ciò, i mercati dell’argento diventano ancora più volatili e spesso subiscono rapidi aumenti o diminuzioni.

Un altro punto importante da ricordare qui è che a causa del suo prezzo più basso, l’argento richiede molto più spazio di archiviazione rispetto a una quantità simile (in USD) di oro. Ciò aumenta il prezzo dei suoi contratti di opzione e lo rende meno desiderabile per le persone in quanto non può essere immagazzinato in modo efficiente in cassette di sicurezza.

L’argento è economico

Nonostante molti svantaggi, l’unico vantaggio che l’argento ha sull’oro è il suo prezzo inferiore. Ciò significa che è più facile per i piccoli investitori acquistare determinate quantità di argento rispetto all’oro.

Sia l’argento che l’oro sono spesso venduti sotto forma di mattoni e monete, quindi è abbastanza difficile acquistare una piccola quantità di un metallo costoso come l’oro. La maggior parte degli investitori che desiderano un’esposizione all’oro ma non hanno molti soldi investono in ETF sull’oro o in azioni di estrazione dell’oro.

Potenziali e rischi dell’investimento in oro e argento

Andiamo avanti e confrontiamo direttamente l’oro e l’argento tra loro.

Oro

L’oro è stato tradizionalmente un rifugio sicuro per gli investitori che non credono nella forza dell’economia attuale. Ciò è stato dimostrato ancora una volta durante la crisi del COVID-19, poiché l’oro ha guadagnato oltre il 16% durante la prima metà del 2020.

A causa della sua bassa volatilità, dell’elevata domanda (che è in continuo aumento man mano che le ramificazioni dell’allentamento quantitativo diventano evidenti) e della storia come principale riserva di ricchezza per secoli, l’oro è sempre stato una parte della finanza tradizionale.

La Federal Reserve ha stampato più di 3 trilioni di dollari per contrastare le conseguenze negative di COVID-19. Ciò ha portato molti investitori a diffidare di un’inflazione estrema nei prossimi anni.

L’oro ha un’offerta limitata e di solito aumenta con l’aumentare del costo della vita. In quanto tale, è visto come un’eccellente copertura contro l’inflazione. Non solo, sembra esserci una correlazione positiva quasi esatta tra il prezzo dell’oro in USD e il limite di debito totale degli Stati Uniti.

Argento

Il vantaggio principale che si ottiene quando si possiede l’argento fisico è la comodità. Non solo puoi acquistare l’argento abbastanza facilmente, ma è anche più facile da scaricare rispetto all’oro. Soddisfare una piccola esigenza finanziaria è molto più facile con l’argento poiché è solo una frazione del prezzo dell’oro.

Un altro punto importante da notare è che la domanda di argento è in aumento, sia nell’industria che nei consumatori (sia negli investimenti che nella gioielleria). Questo, insieme al fatto che la maggior parte dei governi in tutto il mondo ha smesso di accumulare il metallo, significa che potrebbe essere in arrivo una lunga corsa al rialzo per il metallo.

L’argento ha registrato un calo costante negli ultimi dieci anni. Al suo massimo, ha raggiunto i 50 dollari/oncia. Tuttavia, ha concluso il 2019 ad un prezzo molto modesto di 17,83 dollari/oncia. A causa di ciò, l’argento viene estratto sempre meno ogni anno che passa. Una volta accoppiato l’aumento della domanda con un calo dell’offerta, è facile vedere quanto potrebbe essere redditizio un investimento in argento.

Tuttavia, non devi dimenticare i rischi associati all’argento. Dato che è così facilmente disponibile ed economico, tutti questi fattori potrebbero cambiare in un istante. È anche importante ricordare che fino a quando gli effetti completi del COVID-19 non diventeranno evidenti, c’è ancora una possibilità di un continuo calo della domanda di argento industriale che potrebbe ostacolarne il prezzo.

Conclusione: qual è giusto per te?

In questo momento, meno dell’1% della ricchezza totale del mondo è investito in oro e argento. Anche un lieve aumento di questa percentuale potrebbe avere un impatto significativo sui loro prezzi. Ciò che è ancora più interessante è che la domanda sembra aumentare gradualmente. Tanto che il mining non riesce a stargli dietro!

Ciò significa che potresti vedere ritorni favorevoli sul tuo investimento indipendentemente dal metallo in cui investi. Tuttavia, lo scopo dell’oro e dell’argento è molto diverso. In quanto tali, sono per persone con mentalità molto diverse.

In generale, l’oro è per investitori più conservatori. Sebbene sia possibile vedere rendimenti più elevati in argento, sarà necessario programmare le uscite e le entrate nella merce per farlo. L’oro, d’altra parte, è ottimo per gli investitori che vogliono dormire bene.

Ricorda che l’oro dovrebbe essere solo una piccola parte del tuo portafoglio. Se inizi a vedere una crisi imminente che potrebbe causare incertezza nei mercati, solo allora dovresti affollare l’oro prima che lo facciano tutti gli altri e aumenti il ​​suo prezzo.

L’argento è molto più di un investimento opportunistico. A causa della sua volatilità, può dare rendimenti molto migliori dell’oro in determinate condizioni. Tuttavia, l’argento tende a non andare bene se tenuto per molto tempo.

Il mio consiglio è che gli investitori conservatori che stanno cercando di proteggere il proprio portafoglio con metalli preziosi dovrebbero restare con l’oro. Solo chi conosce a fondo il mondo delle materie prime dovrebbe provare a fare trading sull’argento. Coloro che hanno esperienza potrebbero aumentare notevolmente i loro rendimenti se investono in argento al momento giusto. Gli investitori inesperti, d’altra parte, probabilmente non avranno conoscenze sufficienti per negoziarlo in modo efficace.